Pillole di IA – Nuove cellule sviluppate grazie all’Intelligenza Artificiale

Scritto da Salvatore Guaglianone on . Postato in Articoli, Pillole di IA

Nuova cellula sviluppata con l'intelligenza artificiale

Abbiamo già visto nel nostro articolo primo antibiotico messo a punto dall’intelligenza artificiale” come l’intelligenza artificiale può aiutare l’uomo nelle biologia sintetica per lo sviluppo di nuovi farmaci. Come stiamo sempre più comprendendo questa tecnologia può integrarsi con quasi tutte le attività umane, e con la scoperta attuale anche con la vita stessa.

Sulla rivista specializzata Nature, è stato pubblicato l’articolo sulla ricerca condotta dalla Lawrence Berkeley National Laboratory , dove i ricercatori hanno messo a punto un algoritmo di apprendimento automatico, chiamato ART (Automated RecommenationTool), idoneo alle esigenze della biologia sintetica al fine di permettere la generazione di cellule con patrimonio genetico ottimizzato.

Hector Garcia Martin, coordinatore della ricerca, ha spiegato che la biologia sintetica è un processo molto lento fatto di tanta sperimentazione con costi relativamente elevati, mentre con questa nuova tecnologia è possibile elaborare velocemente il patrimonio genetico (dati) con relative possibili soluzioni per passare subito alla sperimentazione in vitro.

ART è stato testato su dei lieviti, microorganismi monocellulari di natura eucariotica, comunemente utilizzati per la panificazione, al fine di riuscire a migliorare il metabolismo cellulare per permettere una maggiore produzione dell’amminoacido triptofano all’interno della cellula.

La scelta di questo particolare amminoacido non è stata casuale in quanto il triptofano è il precursore della serotonina, oltre che la sua assunzione permette una significativa riduzione del rischio cardiovascolare.

I ricercatori avevano già evidenziato cinque geni, che erano regolatori nei processi cellulari per la produzione di triptofano, con oltre 8.000 possibili combinazioni.

Il Machine Learning è stato strutturato dall’Università tecnica della Danimarca, che mediante i dati sperimentali di solo 250 combinazioni, ovvero il 3% delle combinazioni totali, sono riusciti ad addestrare l’intelligenza artificiale, nel comprendere quali frammenti di DNA erano correlati alla produzione del triptofano, e quindi identificando tutti i geni delle 8000 combinazioni, oltre ad identificare quelle più influenti alla sua produzione arrivando ad un aumento del 106%.

Questo studio ha portato alla creazione di una cellula con un nuovo patrimonio genetico e quindi una nuova specie di lievito che favorirà sia l’umore che una maggiore prevenzione dalle malattie cardiovascolari, ma tutto questo è l’inizio di una nuova era della Biologia Sintetica.

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Google+