Intelligenza artificiale contro i tumori donata da IBM

Pillole di IA – IBM dona tre progetti di IA per la lotta contro i tumori

Scritto da Salvatore Guaglianone on . Postato in Articoli, Pillole di IA

Il colosso dell’informata fondata da Charles Ranlett, ha donato alla scienza medica tre progetti elaborati in seno ad IBM, rendendole Open Source  per la comunità medica che ogni giorno combatte contro questo grande male della società moderna, ovvero il cancro.

I tre tool resi disponibili da IBM Computational Systems Biology di Zurigo permetteranno ai medici di effettuare studi sui meccanismi molecolari che sono alla base dello sviluppo tumorale e delle possibili terapie.

Il primo tool che andiamo a descrivere è stato chiamato dai suoi creatori PaccMann, sicuramente non sfugge la somiglianza del nome con il noto videogioco degli anni ’80,  adotta un maccanismo di machine learning per l’apprendimento la struttura di questa IA è al quanto particolare in quanto è composta da due sistemi di IA integrati dove uno elabora le informazioni biomolecolari del tumore in esame al fine di comprendere i profili cellulari ed i successivi processi di crescita del tumore; l’altro invece elabora nuovi farmaci antitumorali che collimano con i profili cellulari interessati, dove il principio attivo viene saggiato e valutato virtualmente prima di essere testato in laboratorio.

I due modelli di IA sono stati addestrati separatamente e poi combinati per permettere a PaccMann di diventare il primo generatori di farmaci condizionale specifico.

Il secondo tool denominato Interact, ha come base gli ormai conosciuti processi biologici anomali    dovuti al cancro, tra tutte l’interazione tra le proteina, dove sono presenti innumerevoli studi.
Interact ha l’arduo compito effettuare una metanalisi, ovvero di intrecciare i dati delle numerosissime ricerche ed elaborare un testo unico sulla specifica patologia tumorale, che tenga conto del grado di ricerca assegnatogli. Interact inoltre implementa i dati delle nuove ricerche in modo da fornire una metanalisi sempre aggiornata.

Il terzo tool, prende il nome dal metodo di apprendimento PIMKL (Pathway-induced multiple kernel learning), questo, basandosi sulle conoscenze già acquisite elabora mediante i dati raccolti dai campioni biologici  del paziente delle previsioni di attività tumorale fornendo agli operatori sanitari la possibilità  di determinare e personalizzare i piani di cura.

IBM ha reso disponibili questi tool online fornendo libero accesso anche al codice sorgente per miglioramenti o implementazioni. Di seguito i link per i singoli tool:

PaccMann

Interact

PIMKL

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Google+